Giornata

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri
19 gennaio 2006
Indizione della «Giornata nazionale del malato oncologico».

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante «disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri» ed in particolare l'art. 5, comma 2, lettera a);

Visto l'accordo dell'8 marzo 2001, sancito tra il Ministro della salute e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano sulle linee-guida concernenti la prevenzione, la diagnostica e l'assistenza oncologica nel quale viene consigliato un approccio valutativo del malato che ne intercetti sia i bisogni espressi che quelli inespressi al fine di individuare una risposta assistenziale adeguata;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 23 maggio 2003, recante «Approvazione del piano sanitario nazionale 2003-2005», ed in particolare il punto 3.2.2 in materia di cura, prevenzione ed informazione sulle patologie oncologiche, ove si indica come prioritaria la risoluzione dei problemi dei pazienti a livello individuale e di salute pubblica;

Ritenuta l'opportunità di promuovere una giornata orientata a focalizzare l'attenzione sui problemi della persona malata di cancro e di quanti sono coinvolti direttamente o indirettamente nel vissuto della medesima, in analogia a quanto già avviene in Canada e negli Stati Uniti con il National Cancer Survivors Day;

Visto l'art. 45 della legge 23 dicembre 1978, n. 833;

Vista la legge-quadro sul volontariato 11 agosto 1992, n. 266, che riconosce il ruolo fondamentale ed insostituibile delle associazioni al volontariato operanti nel settore delle patologie oncologiche;

Considerato che la Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (FAVO), con l'adesione di numerose altre associazioni senza fini di lucro del settore, ha fatto pervenire formale richiesta per l'indizione della «Giornata nazionale del malato oncologico» per la prima domenica di giugno di ogni anno (ovvero la seconda se la prima cade il 2 giugno), in concomitanza con il National Cancer Survivors Day, celebrato già da diciotto anni negli Stati Uniti;

Su proposta del Ministro della salute,

Emana la seguente direttiva:

è indetta per la prima domenica di giugno di ogni anno (ovvero la seconda se la prima cade il 2 giugno) la «Giornata nazionale del malato oncologico». Nell'ambito di tale giornata, le amministrazioni pubbliche e gli organismi di volontariato si impegnano a promuovere, attraverso idonee iniziative di sensibilizzazione e solidarietà l'attenzione e l'informazione sui problemi della persona malata di cancro e di quanti sono coinvolti direttamente o indirettamente nelle vicende della medesima, al fine di sviluppare politiche pubbliche e private che allarghino le possibilità di guarire dalla malattia o, quantomeno, di conviverci con dignità.
La presente direttiva, previa registrazione da parte della Corte dei conti, sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 19 gennaio 2006

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri
Letta

Il Ministro della salute
Storace

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
5 marzo 2010
Modifica dell'indizione della «Giornata nazionale del malato oncologico».
(10A04579)(G.U. Serie Generale n. 87 del 15 aprile 2010)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante «disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri» ed in particolare l'art. 5, comma 2, lettera a);

Visto l'accordo dell'8 marzo 2001, sancito tra il Ministro della salute e le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sulle linee guida concernenti la prevenzione, la diagnostica e l'assistenza oncologica nel quale viene consigliato un approccio valutativo del malato che ne intercetti sia i bisogni espressi che quelli inespressi al fine di individuare una risposta assistenziale adeguata;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 7 aprile 2006, recante «Approvazione del piano sanitario nazionale 2006-2008»;

Visto il «Nuovo patto per la salute per gli anni 2010-2012», siglato il 3 dicembre 2009 fra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano;

Visto il «Piano Oncologico Nazionale 2010-2012» presentato il 22 gennaio 2010 che affronta tutti i problemi connessi all'oncologia, dalla prevenzione alle cure palliative, ed in particolare il punto 7 relativo alla comunicazione; Confermata l'opportunita' di promuovere una giornata orientata a focalizzare l'attenzione sui problemi della persona malata di cancro e di quanti sono coinvolti direttamente o indirettamente nel vissuto della medesima, in analogia a quanto gia' avviene in Canada e negli Stati Uniti con il National Cancer Survivors Day;

Visto l'art. 45 della legge 23 dicembre 1978, n. 833; Vista la legge quadro sul volontariato dell'11 agosto 1992, n. 266, che riconosce il ruolo fondamentale ed insostituibile delle associazioni di volontariato operanti nel settore delle patologie oncologiche;

Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 gennaio 2006, relativa all'indizione della «Giornata nazionale del malato oncologico» per la prima domenica di giugno di ogni anno;

Considerato che la Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (FAVO) e dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) hanno fatto pervenire formale richiesta per «anticipare la data di tale giornata» in quanto coincidente con il Congresso mondiale di oncologia promosso dall'American Society of Clinic Oncology (ASCO);

Considerato opportuno che alla manifestazione siano presenti i medici oncologici e che sia assicurato il fattivo coinvolgimento dell'AIOM nazionale e dei Comitati regionali;

Ritenuto necessario anticipare la data della giornata nazionale del malato oncologico, gia' indetta per la prima domenica di giugno di ogni anno;
Su proposta del Ministro per la salute;

Emana la seguente direttiva:

La «Giornata nazionale del malato oncologico» indetta per la prima domenica di giugno e' anticipata alla terza domenica di maggio di ogni anno. La presente direttiva, previa registrazione da parte della Corte dei conti, sara' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 5 marzo 2010

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri: Letta
Il Ministro della salute: Fazio

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata Nazionale del Malato Oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

missionLa I Giornata Nazionale del Malato Oncologico si è celebrata a Roma il 2 e 3 giugno 2007.

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà, delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

La II Giornata Nazionale del Malato Oncologico si è celebrata a Napoli il 2 e 3 giugno 2007.

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà, delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

quarta giornataLa IV Giornata Nazionale del Malato Oncologico si è celebrata a Taranto dall'1 al 3 maggio 2009.

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà, delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

La Giornata di quest'anno, giunta alla VIII edizione, sarà celebrata presso la Sala San Pio X, in Via dell’Ospedale  1 a Roma, nei pressi di via della Conciliazione, il 18 e il 19 maggio, con manifestazioni a partire da giovedì 16.

La Giornata sarà realizzata con il contributo del Ministero della Salute, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Associazione di Iniziativa Parlamentare e Legislativa per la Salute e la Prevenzione, con il sostegno di Mediaset – Mediafriends attraverso la trasmissione di spot dedicati.

La Giornata, attività cardine di tutto l’anno per la Federazione, è anche il luogo privilegiato di incontro per le associazioni federate, che possono in questo frangente confrontarsi fra di loro e relazionarsi direttamente alle istituzioni.

Non solo: anche stavolta le compagnie telefoniche hanno dedicato a FAVO un numero per la raccolta solidale (45503), finalizzato a realizzare un servizio a disposizione dei malati oncologici e dei loro familiari che fornirà gratuitamente, attraverso numero verde e, all’occorrenza, con appuntamenti presso la sede di Roma, risposte mirate e personalizzate.

terza giornataLa III Giornata Nazionale del Malato Oncologico si è celebrata a Milano dal 31 maggio all'1 giugno 2008 presso l'Istituto Scientifico Universitario San Raffaele IRCCS.

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà, delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

La Giornata nazionale del malato oncologico, giunta alla sua V edizione, si è celebrata a Roma presso l’Auditorium Conciliazione dal 13 al 16 maggio 2010, con il sostegno del Ministero della Salute e di Mediafriends

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà, delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

La Giornata nazionale del malato oncologico, giunta alla sua VI edizione, sarà celebrata a Roma presso l’Auditorium Parco della Musica dal 12 al 15 maggio, con il sostegno del Ministero della Salute e di Mediafriends.

In occasione della Giornata FAVO ha deciso di istituire, con le donazioni dell’sms solidale attivato grazie alle compagnie telefoniche, e con il patrocinio scientifico e la collaborazione dell’Università LUMSA di Roma, borse di studio per assistenti sociali da impiegare per progetti proposti dalle associazioni federate a FAVO che ogni giorno lottano contro i tumori infantili: dal 5 al 15 maggio è possibile donare 1 euro inviando  al 45592 un SMS da linea mobile TIM, Vodafone, Wind, 3 e Coop Voce o 2 euro chiamando da rete fissa Telecom Italia, Fastweb, TeleTu e Tiscali.

Chiamando il numero verde CartaSì 800 382385 è inoltre possibile donare con carta di credito.

Istituita con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19.01.2006, poi modificata con Direttiva del 5 marzo 2010 - G.U. 15 -4-10, la Giornata nazionale del malato oncologico viene celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio. Essa rappresenta il cuore dell’attività della FAVO ed è dedicata al malato, agli ex malati, ai sopravvissuti al cancro e a tutti coloro che hanno vissuto da vicino la malattia condividendone ansie, preoccupazioni, speranze.

Lungi dall’essere proposta come celebrazione puramente compassionevole delle sofferenze, delle difficoltà,  delle esigenze e dei diritti dei malati di cancro, la Giornata è, invece, una vera e propria celebrazione della vita da parte di chi ha imparato ad amarla ed a difenderla con la forza del dolore, avendo paura di perderla.

La Giornata di quest'anno, giunta alla VII edizione, sarà celebrata presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma il 19 e 20 maggio, con manifestazioni a partire da martedì 15. La Giornata sarà realizzata insieme al Ministero della Salute e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Senato della Repubblica, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Presidenza della regione Lazio, dell'Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto e della prevenzione, del Segretariato Sociale RAI e con la promozione di Mediaset – Mediafriends attraverso la trasmissione di spot dedicati.

La Giornata, attività cardine di tutto l’anno per la Federazione, è anche il luogo privilegiato di incontro per le associazioni federate, che possono in questo frangente confrontarsi fra di loro e relazionarsi direttamente alle istituzioni.

Non solo: anche stavolta le compagnie telefoniche hanno dedicato a FAVO un numero per la raccolta solidale (45501), dedicata quest'anno alla psicolncologia. Dopo 15 anni di battaglie culturali e sociali promosse dal volontariato italiano, il Piano Oncologico Nazionale (PON) ha riconosciuto l'importanza del supporto psicologico ai malati di cancro. Tuttavia, a più di un anno dall’approvazione, il Piano Oncologico stenta ad essere applicato a livello regionale, rischiando di restare un “libro dei sogni”. Ecco perché FAVO ha deciso di attirare l’attenzione di Istituzioni e opinione pubblica su questo problema, che rischia di costituire un vero e proprio diritto negato! Con i fondi raccolti attraverso l’sms solidale, FAVO pubblicherà un bando di concorso a titoli per l’assegnazione di borse di studio finalizzate ad inserire, per la durata di un anno, giovani psicologi nelle strutture oncologiche pubbliche e private convenzionate di tutta Italia per assistere e sostenere i malati di cancro ed i loro familiari nel faticoso percorso di cura, in collaborazione con l’equipe curante. Potremo così rispondere ai bisogni di accoglienza, ascolto e supporto psicologico segnalati dai pazienti e dai familiari a FAVO.

La Giornata Nazionale del Malato Oncologico del Malato Oncologico che si è svolta a maggio 2014, è stata la Nona da quando, nel 2006, su proposta di FAVO, e con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, questo evento fu istituito. L'edizione di quest'anno sarà celebrata presso l'Auditorium della Conciliazione di Roma, dal 16 al 18 maggio, con manifestazioni a partire da lunedì 12.

La Giornata è stata realizzata con il sostegno del Ministero della Salute, e di Mediaset-Mediafriends attraverso la trasmissione di spot dedicati.

La Giornata, evento cardine di tutto l’anno per la Federazione, richiama l’attenzione dell'opinione pubblica sui bisogni di migliaia di persone che affrontano la malattia, oltre ad essere il luogo privilegiato d'incontro per le associazioni federate, che possono in questo frangente confrontarsi fra di loro e relazionarsi direttamente alle istituzioni.

Gli importanti risultati raggiunti grazie alle precedenti edizioni, fanno di questa manifestazione un passaggio fondamentale nell'azione di advocacy di FAVO che, grazie alla Giornata e alla grande attenzione mediatica che questo evento suscita, riesce a far conoscere i nuovi bisogni dei malati di cancro, e ad affermare la necessità di nuovi diritti in risposta a questi ultimi.

Sono passati 10 anni da quando, nel 2006, su proposta di FAVO, un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri istituì la Giornata Nazionale del Malato Oncologico. Dalla prima edizione, la Giornata si è sempre caratterizzata per essere un momento di approfondimento dei temi legati ai nuovi bisogni dei malati di cancro ed ai nuovi diritti che ad essi dovrebbero corrispondere, ma anche di festa del volontariato oncologico: una celebrazione della Vita da parte di chi, per esperienza diretta della malattia, ha imparato ad amarla e a difenderla.

Dalla prima edizione FAVO è cresciuta molto: nuove associazioni sono entrate a far parte della nostra famiglia e nuovi importanti risultati sono stati raggiunti a vantaggio dei malati di cancro e dei loro familiari.

In questo percorso le Giornate hanno rappresentato i momenti di snodo fondamentali, le tappe in cui fermarsi per fare il punto sui risultati raggiunti ed elaborare nuove strategie per il miglioramento della qualità della vita dei malati oncologici.

Sotto questo aspetto, le istituzioni ci sono sempre state vicine, non sottraendosi al confronto con il mondo del volontariato, e offrendo risposte concrete alle sue sollecitazioni.

Come le precedenti edizioni, anche la Giornata di quest'anno, la Decima, sarà l'occasione per fare il punto sui traguardi raggiunti, in Italia e in Europa, nella lotta al cancro, ma soprattutto per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sui bisogni dei malati oncologici, e sulla necessità di sviluppare percorsi normativi e culturali per l'affermazione di nuovi diritti. L'evento sarà realizzato con il sostegno di Mediaset-Mediafriends attraverso la trasmissione di spot dedicati.

La X Giornata Nazionale del Malato Oncologico si terrà a Roma, dal 14 al 17 maggio 2015. I lavori saranno aperti come di consueto con la presentazione del 7^ Rapporto sulla condizione assistenziale del malato oncologico, presso la Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato della Repubblica, e proseguiranno con le sessioni di approfondimento presso il Centro Congressi Roma Eventi - Fontana di Trevi.

Guarire dal cancro oggi è possibile. Nonostante il crescente tasso di incidenza della malattia, la sempre maggior efficacia delle terapie e la sempre maggior adesione ai programmi di screening per la diagnosi precoce hanno notevolmente cambiato la prognosi delle patologie tumorali, con la progressiva e costante crescita del numero di malati cronici e di persone guarite. Il Rapporto pubblicato da AIRTUM nel 2015 non lascia adito ad interpretazioni: nel 2010 erano 2.587.347 le persone che vivevano in Italia dopo una diagnosi di tumore, il 4,4% della popolazione residente. I pazienti con un’attesa di vita paragonabile a quella delle persone non affette da tumore, che definiamo guariti, erano 704.648, pari al 27% di tutti i pazienti ed all’1,2% degli italiani. Complessivamente, un malato di cancro su quattro può considerarsi guarito a tutti gli effetti.

Questi dati rappresentano un’inversione di tendenza rispetto allo stigma – purtroppo ancora molto diffuso – cancro uguale morte. Conseguentemente sorgono una serie di interrogativi in merito alla condizione in cui versano le persone guarite, dal punto di vista sanitario, sociale ed economico.  Queste persone, insieme ai malati oncologici cronici rappresentano oggi la nuova disabilità di massa con una serie di bisogni espressi ed inespressi e con l’esigenza di veder riconosciute tutele giuridiche mirate alla peculiarità e complessità delle patologie neoplastiche, anche al fine di evitare la dolorosa emarginazione troppo spesso generata dall’ignoranza.

È alla luce di queste considerazioni che F.A.V.O. ha richiesto ed ottenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – nel 2006 – l’istituzione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico che viene celebrata ogni terza domenica di maggio.
L'edizione di quest'anno, l'undicesima, toccherà alcuni dei temi chiave nell'attualità dell'oncologia italiana: la nutrizione del paziente oncologico, la survivorship care, il dolore oncologico, lo stato dell'arte dei centri di senologia, l'immuno-oncologia, le patologie colon-rettali, e molto altro ancora.

L'evento si terrà a Roma, dal 12 al 15 maggio 2016. I lavori saranno aperti come di consueto con la presentazione dell'8^ Rapporto sulla condizione assistenziale del malato oncologico, presso la Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato della Repubblica, e proseguiranno con le sessioni di approfondimento presso il Centro Congressi Roma Eventi - Piazza di Spagna.

Roma, 18 - 21 maggio 2017

#GNMO17

Guarire dal cancro oggi è possibile. Nonostante il crescente tasso di incidenza della malattia, la sempre maggior efficacia delle terapie e la sempre maggior adesione ai programmi di screening per la diagnosi precoce hanno notevolmente cambiato la prognosi delle patologie tumorali, con la progressiva e costante crescita del numero di malati cronici e di persone guarite.

Questo rappresenta un’inversione di tendenza rispetto allo stigma – purtroppo ancora molto diffuso – cancro uguale morte. Conseguentemente sorgono una serie di interrogativi in merito alla condizione in cui versano le persone guarite, dal punto di vista sanitario, sociale ed economico. Queste persone, insieme ai malati oncologici cronici rappresentano oggi la nuova disabilità di massa con una serie di bisogni espressi ed inespressi e con l’esigenza di veder riconosciute tutele giuridiche mirate alla peculiarità e complessità delle patologie neoplastiche, anche al fine di evitare la dolorosa emarginazione troppo spesso generata dall’ignoranza.

È alla luce di queste considerazioni che F.A.V.O. ha richiesto ed ottenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – nel 2006 – l’istituzione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, che viene celebrata ogni terza domenica di maggio. L'edizione di quest'anno, la dodicesima, toccherà alcuni dei temi chiave nell'attualità dell'oncologia italiana.

L'evento si terrà a Roma, dal 18 al 21 maggio 2017. I lavori saranno aperti come di consueto con la presentazione dell'9° Rapporto sulla condizione assistenziale del malato oncologico, presso la Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato della Repubblica, e proseguiranno con le sessioni di approfondimento presso il Centro congressi “Roma Eventi – Fontana di Trevi” in Piazza della Pilotta 4.

Roma, 17 - 20 maggio 2018

Guarire dal cancro oggi è possibile. Nonostante il crescente tasso di incidenza della malattia, la sempre maggior efficacia delle terapie e la sempre maggior adesione ai programmi di screening per la diagnosi precoce hanno notevolmente cambiato la prognosi delle patologie tumorali, con la progressiva e costante crescita del numero di malati cronici e di persone guarite. Questo rappresenta un’inversione di tendenza rispetto allo stigma – purtroppo ancora molto diffuso – cancro uguale morte. Conseguentemente sorgono una serie di interrogativi in merito alla condizione in cui versano le persone guarite, dal punto di vista sanitario, sociale ed economico. Queste persone, insieme ai malati oncologici cronici rappresentano oggi la nuova disabilità di massa con una serie di bisogni espressi ed inespressi e con l’esigenza di veder riconosciute tutele giuridiche mirate alla peculiarità e complessità delle patologie neoplastiche, anche al fine di evitare la dolorosa emarginazione troppo spesso generata dall’ignoranza.

È alla luce di queste considerazioni che F.A.V.O. ha richiesto ed ottenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – nel 2006 – l’istituzione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, che viene celebrata ogni terza domenica di maggio. L'edizione di quest'anno, la dodicesima, toccherà alcuni dei temi chiave nell'attualità dell'oncologia italiana.

La XIII Giornata Nazionale del Malato Oncologico si è tenuta a Roma, dal 17 al 20 maggio 2018. I lavori si sono aperti come di consueto con la presentazione del 10° Rapporto sulla condizione assistenziale del malato oncologico, presso la Sala Zuccari del Senato della Repubblica e sono proseguite con innovative sessioni formative e di approfondimento presso il Centro Congressi Angelicum in Largo Angelicum, 1.

Hai un'associazione e vorresti federarti? Scopri come!

Scrivici