Ufficio stampa

Comunicato stampa

DL Sostegni, accolte istanze Associazioni:novità positive

per lavoratori fragili

FAVO, AIL e UNIAMO - Federazione Italiana Malattie Rare:“Soddisfazione per l’approvazione delle nostre proposte di tutela della vita lavorativa delle persone con disabilità, durante l’emergenza Covid-19”

Roma, 23 marzo 2021 - È passato quasi un anno da quando le Associazioni FAVO, FISH, AIL,UNIAMO-Federazione Italiana Malattie Rare per la prima volta chiedevano ai decisori politici di rivedere le norme a tutela delle assenze dei c.d. lavoratori fragili, persone particolarmentea rischio in caso di contagio da Covid-19, che necessitano di particolari forme di tutela durante l’emergenza sanitaria. L’articolo 26 D.L. Cura Italia, nella sua formulazione originariadava luogo ad equivoche interpretazioni che ne rendevano di fatto pressoché impossibile la concreta applicazione. La mancanza di attribuzione di responsabilità su chi dovessecertificare lo stato di fragilità ha dato luogo, per mesi, ad un rimpallo fra medici di famiglia,medici legali della ASL e clinici dei centri di riferimento.

In aggiunta, non era chiaro se le assenze dovessero essere equiparate ai ricoveri ospedalieri,senza incidere sul comporto. Il posto di lavoro delle persone più fragili (malati oncologici e oncoematologici, persone affette da malattie rare, persone disabili) di fatto non è statomesso in sicurezza e molti di loro hanno superato il numero di giorni di assenza per malattiae, quindi, il periodo di comporto, rischiando il licenziamento.

Questo ha significato per i “fragili fra i fragili” dover scegliere tra la salute e il lavoro, dirittifondamentali della persona, costituzionalmente difesi e garantiti. L’approvazione dell’art.15 del Decreto Sostegni arriva dopo mesi di segnalazioni e di azioni di lobbying, anche mediante la presentazione di emendamenti, da parte delle Associazioni di pazienti e disabili.

FAVO, AIL, e UNIAMO esprimono “piena soddisfazione per la normativa contenuta nel D.L. appena approvato che risponde alle esigenze di tutela di quei lavoratori, malati e disabili,messi ancor più a dura prova dallo tsunami Covid-19 i cui effetti non impattano unicamente sulla salute ma si estendono, drammaticamente, sulla sfera lavorativa”.

Il decreto prevede la proroga fino al 30 giugno 2021, dell’equiparazione del periodo di assenza dal lavoro al ricovero ospedaliero per tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati in condizioni di particolare fragilità (lavoratori in possesso del riconoscimento di handicap grave e lavoratori in possesso di certificazione attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita).
Molto opportunamente il D.L. Sostegni chiarisce espressamente che i periodi di assenza dalservizio dei lavoratori fragili, giustificati dalla necessità di prevenire il rischio di contagio da Covid-19, non sono computabili nel periodo di comporto, scongiurando, in tal modo, ilrischio di licenziamento per giusta causa conseguente al prolungarsi delle assenze dal lavoro.Inoltre, si esclude che l’assenza dal servizio (equiparata al ricovero) sospenda il pagamento dell’indennità di accompagnamento per quei lavoratori gravemente disabili che ne hanno diritto. Il lavoratore che dimostra di rientrare nella categoria fragile può dunque chiedere di non recarsi al lavoro e che la sua assenza venga equiparata al ricovero ospedaliero, il cui trattamento economico, però, normalmente è inferiore alla retribuzione ordinaria che,invece, verrebbe mantenuta in caso di smart working, opzione certamente preferibile ovepossibile.

FAVO

06-42012079 - 377 708 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.favo.it

Ufficio Stampa UNIAMO Federazione Malattie Rare
Flaminia Serra +39 379.1640188
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- www.uniamo.org

Resp. Ufficio Stampa AIL
Emanuela Zocaro Tel: +39 06.7038601 Mob: +39 366.6689926
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- www.ail.it

COMUNICATO STAMPA

Fondazione AIOM con ROPI promuove un’iniziativa che non unisce ma frammenta. La sua missione è di "coordinare e rappresentare le associazioni di pazienti oncologici e le loro istanze nei confronti delle Istituzioni", ovvero un'inutile ostile duplicazione di quanto FAVO con le centinaia di Associazioni federate, assicura da quasi 20 anni, con i ben noti risultati che hanno cambiato la vita dei malati oncologici.

Comunicato Stampa

Caregiver si diventa: al via il corso di formazione online

18 videolezioni per imparare ad assistere correttamente i pazienti oncologici

FAVO: urge un inquadramento legislativo del caregiver familiare

Roma 20 gennaio 2021 - Dalla gestione pratica dei malati alla corretta nutrizione, dalle tutele legali ed economiche alle nuove terapie, dalle cure palliative al supporto psicologico: sono alcuni dei tanti problemi con cui i caregiver si confrontano ogni giorno nel prendersi cura del proprio familiare. Per fornire loro elementi concreti che possano supportarli e semplificare il difficile compito che sono tenuti a svolgere, nasce il Corso di formazione a distanza (FAD) “InFormazione del caregiver oncologico”. L’iniziativa, promossa da FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) e realizzata da ISHEO (Integrated Solutions of Health Economics and Organizations) in collaborazione con AIMAC (Associazione italiana malati di cancro, parenti e amici) ed è patrocinata da AIOM (Associazione italiana oncologia medica), SICP (Società Italiana Cure Palliative), FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermiertistiche), SINPe (Società Italiana di Nutrizione Artificiale e Metabolismo) e SINUC (Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo).

COMUNICATO STAMPA

Tumori FAVO: grande soddisfazione per l’approvazione della risoluzione sui malati oncologici in Commissione Affari Sociali , ora il Governo risponda all’impegno approvando il Piano Oncologico e garantendo gli screening

La XII Commissione della Camera approva all’unanimità la Risoluzione “Iniziative per latutela e la cura dei pazienti con patologie oncologiche”

presentata dal’On. Carnevali

Roma, 19 novembre 2020 - Il grido di allarme lanciato dalla Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia – FAVO lo scorso luglio in occasione dell’Audizione promossa dalla Commissione Affari Sociali della Camera sulla situazione dei pazienti affetti da patologie oncologiche durante l'emergenza epidemiologica da COVID-19 è stato raccolto con grande senso di responsabilità istituzionale dalla Commissione che ieri, 18 novembre 2020, ha approvato all’unanimità la Risoluzione presentata dall’On. Carnevali un mese fa in occasione della XV Giornata Nazionale del Malato Oncologico.

“Il Consiglio dei Ministri è stato sentito e ha espresso il proprio unanime parere favorevole sulla proposta del Ministro della salute, Roberto Speranza, di indire, per il 13 ottobre di ogni anno, la Giornata Nazionale del Tumore Metastatico della Mammella. È stata così accolta l’istanza delle associazioni di categoria e delle associazioni no profit, impegnate a livello nazionale in campagne di sensibilizzazione per la prevenzione e protezione della salute. Il provvedimento di indizione sarà quindi firmato dal Presidente Giuseppe Conte.” http://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-65/15333.