Ufficio stampa

COMUNICATO STAMPA

Disponibile da oggi in lingua italiana lo strumento che rende il malato di tumore protagonista della valutazione della tossicità dei farmaci oncologici negli studi clinici. “DOTTORE, ADESSO PARLO  IO!”

Iannelli (FAVO): “Le agenzie regolatorie e l'intera comunità scientifica garantiscano l'utilizzo standard dei PRO-CTCAE in tutte le sperimentazioni cliniche in ambito oncologico”. Perrone (Pascale Napoli): “Con la validazione della versione italiana dei PRO-CTCAE abbiamo reso un grande servizio ai malati e all’oncologia medica del nostro Paese”

COMUNICATO STAMPA

L’evento che si celebra oggi è organizzato da una rete internazionale di associazioni di pazienti

TUMORE DEL RENE: OGNI ANNO IN ITALIA 6.840 DIAGNOSI EFFETTUATE “PER CASO”
LA PRIMA GIORNATA MONDIALE PER PROMUOVERE RICERCA E PREVENZIONE

Il 60% dei casi è scoperto grazie a controlli eseguiti per altri motivi. I principali fattori di rischio sono fumo, obesità e ipertensione. Il nuovo opuscolo dell’AIMaC con i consigli anche sulle tutele socio-assistenziali

COMUNICATO STAMPA

A LEONARDO CENCI, ANTONIO DELVINO, MICHELE EMILIANO, OSCAR BERTETTO E AL PROGETTO GIOVANI DELLA PEDIATRIA ONCOLOGICA DELL’ISTITUTO TUMORI DI MILANO IL PREMIO CEDRO D’ORO 2017

COMUNICATO STAMPA

L’appello contenuto nel IX Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici
FAVO: ‘Istituire subito una rete nazionale dei tumori rari’
Il presidente De Lorenzo: “Non c’è più tempo da perdere. Queste patologie interessano 900mila italiani e devono essere affrontate solo in centri di riferimento coordinati fra loro anche a livello europeo”

Comunicato Stampa

TUMORI: “IN ITALIA SERVONO 806 GIORNI PER I FARMACI INNOVATIVI LA MALATTIA CAUSA DIFFICOLTÀ ECONOMICHE PER IL 22,5% DEI PAZIENTI”
Il prof. Francesco De Lorenzo, presidente FAVO: “I tempi di approvazione sono troppo lunghi e rischiano di tradursi in una forma di razionamento che penalizza fortemente le persone colpite dal cancro. Servono nuovi criteri di valutazione delle terapie che includano anche la qualità di vita”