Ufficio stampa

 

FAVO è riconoscente alla XII Commissione Affari Sociali della Camera per aver approvato un parere che rende in buona parte giustizia al rispetto dei diritti dei malati di cancro che, per la complessità delle loro patologie, ricorrono a centri di eccellenza in Europa soprattutto per quanto riguarda i tumori rari. Le nostre preoccupazioni, riportate nel comunicato che si allega, sono state esaminate con particolare sensibilità e in buona parte recepite dalla Commissione parlamentare.

 

Abolire i ticket su esami di prevenzione primaria per pazienti ad alto rischio è la proposta concreta, nata all’interno di un progetto del DIPO di Varese, destinata a produrre effetti in tutta la regione Lombardia, grazie alla collaborazione tra istituzioni, operatori sanitari e rappresentanti dei malati. Questa proposta è ora realtà, dopo l’approvazione in Consiglio Regionale, lo scorso 8 ottobre, della mozione urgente “concernente la prevenzione per donne con alto rischio ereditario di sviluppare un tumore al seno e all’ovaio.”

Durante l’ultima Giornata nazionale del malato oncologico era stata annunciata con grande soddisfazione l’imminente messa on line del certificato ad hoc preparato per i medici oncologi da FAVO, AIOM e INPS al fine di semplificare e accelerare le procedure di riconoscimento di disabilità dei malati di cancro.

 

(ANSA) - ROMA, 9 AGO - Il decreto del fare ''fara' bene ai malati di cancro, perche' garantisce tempi certi e celeri per l'accesso ai medicinali salvavita. Non mancheremo di monitorare la sua corretta applicazione''. Lo afferma Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo).

Roma, 12 luglio 2013

L'accorata denuncia espressa lo scorso 4 luglio, dalla FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) in rappresentanza di oltre 500 associazioni di volontariato oncologico in merito alla ulteriore disparità che si era venuta a creare a seguito del decreto Balduzzi sulla disponibilità dei farmaci innovativi per la cura dei malati di cancro, è stata accolta dal Consiglio de Ministri appena concluso grazie al pronto interesse e alla grande sensibilità umana del Ministro della Salute on. Lorenzin.