Ufficio stampa

Durante l’ultima Giornata nazionale del malato oncologico era stata annunciata con grande soddisfazione l’imminente messa on line del certificato ad hoc preparato per i medici oncologi da FAVO, AIOM e INPS al fine di semplificare e accelerare le procedure di riconoscimento di disabilità dei malati di cancro.

 

(ANSA) - ROMA, 9 AGO - Il decreto del fare ''fara' bene ai malati di cancro, perche' garantisce tempi certi e celeri per l'accesso ai medicinali salvavita. Non mancheremo di monitorare la sua corretta applicazione''. Lo afferma Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo).

Roma, 12 luglio 2013

L'accorata denuncia espressa lo scorso 4 luglio, dalla FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) in rappresentanza di oltre 500 associazioni di volontariato oncologico in merito alla ulteriore disparità che si era venuta a creare a seguito del decreto Balduzzi sulla disponibilità dei farmaci innovativi per la cura dei malati di cancro, è stata accolta dal Consiglio de Ministri appena concluso grazie al pronto interesse e alla grande sensibilità umana del Ministro della Salute on. Lorenzin. 

Roma, 4 luglio 2013

Dopo anni di battaglie per il diritto alla cura dei malati di tumore in ogni regione d'Italia la Favo denuncia la grave discriminazione che impedisce le cure oncologiche più innovative ai malati meno abbienti.

Roma, 4 luglio 2013

A distanza di alcuni mesi dalla pubblicazione del decreto Balduzzi (DL158/2012) in cui si stabiliva che i farmaci innovativi anti-cancro dovessero essere resi immediatamente ed automaticamente disponibili su tutto il territorio nazionale dopo la registrazione AIFA (senza che si dovesse attendere il loro inserimento nei prontuari terapeutici regionali - PTR), emergono aspetti preoccupanti perché fortemente discriminatori.