Sette centri europei per lo studio e la cura del cancro si sono alleati per formare il Cancer Core Europe (CCE), un'associazione finalizzata a condurre ricerche innovative per portare la cura del cancro in una nuova era, partendo da risultati precedentemente conseguiti da consorzi europei di maggiori dimensioni, come il progetto EurocanPlatform, finanziato dalla Commissione europea nell'ambito del VII Programma Quadro. A questo progetto avevano partecipato 27 istituzioni e organizzazioni europee, tra cui la European Cancer Patient Coalition (ECPC), di cui De Lorenzo è Presidente.

I membri di Cancer Core Europe (Cancer Research UK Cambridge Centre, Centro tedesco di ricerca sul cancro e Centro nazionale per le malattie del tumore, Gustave Roussy, Karolinska Institutet, Istituto dei Tumori dei Paesi Bassi, Istituto d'Oncologia Vall d'Hebron e da gennaio 2018 anche la Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) si sono uniti per rimodellare il modello di ricerca sul cancro per aumentare la competitività dell'Unione europea come luogo per condurre ricerche all'avanguardia che sono tradotte in clinica per fornire una medicina più personalizzata.

Gli sforzi del CCE sembrano spianare la strada a un Istituto oncologico multi-nazionale per sviluppare nuovi trattamenti e diagnosi precoci per i pazienti e una prevenzione del cancro più efficace per i cittadini europei.

Il professor Francesco De Lorenzo, componente del Direttivo del Cancer Core Europe, che si riunirà domenica 11 febbraio, partecipare al 3a Riunione annuale del Cancer Core Europe del 13 febbraio 2018, a Parigi con una relazione sull’ “L'importanza delle organizzazioni dei pazienti nella guida dell'agenda di ricerca europea"

Scarica il programma

Leggi anche la notizia su Quotidiano Sanità

Milano 29 novembre – In occasione del Convegno OASI 2018 “SSN e Cergas – 40 anni insieme, evidenze per il futuro”, il Prof Francesco De Lorenzo interverrà alla tavola rotonda –introdotta da Giovanni Fattore “SSN ieri: quarant’anni del Servizio Sanitario Nazionale”.
Alla Tavola rotonda parteciperanno i precedenti Ministri della Salute nel loro ruolo di protagonisti del sistema sanitario: Francesco De Lorenzo; Mariapia Garavaglia; Rosy Bindi; Livia Turco; Girolamo Sirchia; Ferruccio Fazio; Renato Balduzzi e Beatrice Lorenzin
L’evento sarà moderato da Elio Borgonovi (Presidente CERGAS) e da Aleksandra Torbica (Direttore CERGAS).

Scarica il programma.

Nella seduta della Giunta Regione Umbria del 23 marzo 2018 è stata deliberata l’attuazione della L.R. 28/12/2017 n°18 art. 10 in base alla quale la Regione Umbria ha stabilito di garantire un contributo economico di 300 euro per l'acquisto di una parrucca per le persone affette da alopecia a causa di trattamenti chemioterapici. La prestazione è rivolta a tutti i cittadini umbri senza distinzioni di sesso o età.

Il mondo del volontariato oncologico è in lutto per la scomparsa, lo scorso 16 Novembre, di Lucia Viggiano, Vicepresidente dell'Associazione Agata - Volontari contro il Cancro con diagnosi di tumore metastatico, divenuta la portabandiera dell’Associazione.

Lucia, forte sostenitrice di FAVO si occupava di curare i rapporti con gli ammalati ed i loro familiari, fornendo loro il supporto dell’associazione. Grande esempio di donna e di vita, ha fatto della propria malattia un punto di forza per aiutare gli altri e tutte le donne colpite da tumore.

FAVO esprime alla famiglia e all’associazione Agata la più affettuosa partecipazione al grande dolore che stanno attraversando, confidando sulla continuità di una collaborazione che contribuisca a diffondere l’esempio di Lucia.

Il 9 settembre 2017, Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO, è intervenuta sui dati rilevati dallo studio NOR-CAYACS, presentato presso il congresso ESMO a Madrid, sulla condizione lavorativa dei "survivors" dopo le cure.

Hai un'associazione e vorresti federarti? Scopri come!

Scrivici